Il passaggio standard di Lorem Ipsum, utilizzato fin dal 1500

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.”

Sezione 1.10.32 del “de Finibus Bonorum et Malorum”, scritto da Cicerone nel 45 a.C.

“Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem sit asperna volupta a quiut consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt. Neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum quia dolor sit amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt ut labore et dolore magnam alitatem ad minimat quaerat , quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur? Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur,vel illum qui dolorem eum fugiat quo voluptas nulla pariatur?”

1914 traduzione di H. Rackham

se non per trarne qualche vantaggio? Ma chi ha il diritto di criticare un uomo che sceglie di godere di un piacere che non ha conseguenze fastidiose, o uno che evita un dolore che non produce alcun piacere risultante?”

Sezione 1.10.33 del “de Finibus Bonorum et Malorum”, scritto da Cicerone nel 45 a.C.

“At vero eos et accusamus et iusto odio dignissimos ducimus qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti atque corruzione quos dolores et quas molestias accepturi sint occaecati cupiditate non Provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia e laborrum anidem. id hadolorum anidem, id rerum facilis est et expedita distintiio. Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi optio cumque nihil impedit quo minus id quod maxime placeat facere possimus, omnis voluptas assumenda est, omnis dolor repellendus. ut et voluptates repudiandae sint et molestiae non recusandae. Itaque earum rerum hic tenetur a sapiente delectus, ut aut reiciendis voluptatibus maiores alias consequatur aut perferendis doloribus asperiores repellat.”

1914 traduzione di H. Rackham

“D’altra parte, denunciamo con giusta indignazione e antipatia gli uomini che sono così ingannati e demoralizzati dal fascino del piacere del momento, così accecati dal desiderio, che non possono prevedere il dolore e i problemi che sono destinati a seguirne; e pari la colpa spetta a coloro che falliscono nel loro dovere per debolezza di volontà, che è come dire per rifuggire dalla fatica e dal dolore.Questi casi sono perfettamente semplici e facili da distinguere.In un’ora libera, quando la nostra facoltà di scelta è libera e quando nulla ci impedisce di poter fare ciò che più ci piace, ogni piacere va accolto ed ogni dolore evitato, ma in determinate circostanze e per le pretese del dovere o per gli obblighi degli affari, spesso accadrà che i piaceri debbano essere ripudiati e fastidi accettati.Il saggio dunque si attiene sempre in queste cose a questo principio di selezione: rifiuta i piaceri per assicurarsi altri piaceri maggiori, oppure sopporta le pene per evitare pene peggiori».

Il passaggio standard di Lorem Ipsum, utilizzato fin dal 1500

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.”

Sezione 1.10.32 del “de Finibus Bonorum et Malorum”, scritto da Cicerone nel 45 a.C.

“Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem sit asperna volupta a quiut consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt. Neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum quia dolor sit amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt ut labore et dolore magnam alitatem ad minimat quaerat , quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur? Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur,vel illum qui dolorem eum fugiat quo voluptas nulla pariatur?”

1914 traduzione di H. Rackham

se non per trarne qualche vantaggio? Ma chi ha il diritto di criticare un uomo che sceglie di godere di un piacere che non ha conseguenze fastidiose, o uno che evita un dolore che non produce alcun piacere risultante?”

Sezione 1.10.33 del “de Finibus Bonorum et Malorum”, scritto da Cicerone nel 45 a.C.

“At vero eos et accusamus et iusto odio dignissimos ducimus qui blanditiis praesentium voluptatum deleniti atque corruzione quos dolores et quas molestias accepturi sint occaecati cupiditate non Provident, similique sunt in culpa qui officia deserunt mollitia e laborrum anidem. id hadolorum anidem, id rerum facilis est et expedita distintiio. Nam libero tempore, cum soluta nobis est eligendi optio cumque nihil impedit quo minus id quod maxime placeat facere possimus, omnis voluptas assumenda est, omnis dolor repellendus. ut et voluptates repudiandae sint et molestiae non recusandae. Itaque earum rerum hic tenetur a sapiente delectus, ut aut reiciendis voluptatibus maiores alias consequatur aut perferendis doloribus asperiores repellat.”

1914 traduzione di H. Rackham

“D’altra parte, denunciamo con giusta indignazione e antipatia gli uomini che sono così ingannati e demoralizzati dal fascino del piacere del momento, così accecati dal desiderio, che non possono prevedere il dolore e i problemi che sono destinati a seguirne; e pari la colpa spetta a coloro che falliscono nel loro dovere per debolezza di volontà, che è come dire per rifuggire dalla fatica e dal dolore.Questi casi sono perfettamente semplici e facili da distinguere.In un’ora libera, quando la nostra facoltà di scelta è libera e quando nulla ci impedisce di poter fare ciò che più ci piace, ogni piacere va accolto ed ogni dolore evitato, ma in determinate circostanze e per le pretese del dovere o per gli obblighi degli affari, spesso accadrà che i piaceri debbano essere ripudiati e fastidi accettati.Il saggio dunque si attiene sempre in queste cose a questo principio di selezione: rifiuta i piaceri per assicurarsi altri piaceri maggiori, oppure sopporta le pene per evitare pene peggiori».